Amarcord

Bepi Zotti e l’Antonietta: pezzi di storia biancoscudata

Dall’anno 1992, ingiallita dal tempo, spunta una lettera scritta a penna e in dialetto da parte del Dottor Italo Marcon. Dalle parole di un tifoso, tutto l’affetto e la nostalgia per alcune tra le figure storiche che hanno fatto da contorno agli anni più belli dell’Appiani, tra personaggi e aneddoti che potremmo ascoltare per ore.

N’altro toco del vecio Padova ze andà via.

Curva sul mastéo de legno, saon de Marsiglia e bruschín in man, l’Antonieta de Bepi Zotti (“Spugna”) iera na figura simbolica dea corte del campo Appiani. Quando che andavo a visitarla (iero el so dotore), a misurarghe la pression, a scoltarghe el core (el Padova iera ancora in C2) la me diseva co un fio de vose ma co l’oceto furbo: «Dotore, me bastaria vedare el Padova in serie A e posso anca morire contenta».

Se vede che la se ga contentà de quei tre minuti de Lucca del’ano scorso! Le me visite ze ligàe ai so veci ricordi. Na volta che la gaveva un zenocio tutto sgionfo dal dolore (zenocio dea lavandara), fin che mi stavo scrivendoghe el responso co le medissine moderne, la ga tirà fora da l’armadio un bussoloto co na malteca maròn: «Questa, – la ga dito – la ze ancora na speciaità miracolosa del poro Bepi che Piacentini (storico massaggiatore ai tempi di Rocco) me ga regalà». La se ne gà messo do dei sora el zenocio, po la ga verto un casseto e la ga ciapà na fassa elastica zala e spania.

Impirandosea su pa a gamba: «E questa la iera de Gino Capéo, e se lu co sta fassa indosso el ga scartà sinque omani e po’ el ga fregà anca el portiere, mi desso dovaria corrare come un puliero!».

Un ritaglio di giornale raffigurante Bepi Zotti con la moglie Antonietta

La me contava po’ del’amicissia co Paron Rocco. «Col vegniva a trovarme el me bateva na man sua spala e po’ el me domandava: Antonieta cossa farào el Padova domenega? – E mi pronta: El vinse uno a zero, parché dopo che
Brighenti ga fato gol, i aversari i poe zogare anca na setimana che co Blason e Lello no i passarà mai gnanca de note»
. E lu de rimando: «Antonieta co i to pronostici el Padova vinsaria el scudeto!» e momenti el ghea faseva. E infine la me diseva: «Dotore se gavesse un franco par ogni paro de calsetoni, de maiete, de mudande che go lavà, stirà e cusio i busi, saria milionaria».

E milionaria la ze morta, ma milionaria de storie e de ricordi dei so zogadori che la ciamava solo par nome o par soranome: Cicio, Spassola, Lello, Gino…

Desso la ze tornà dal so Bepi che co un colpo de spugna de aqua freda el ghe metarà a posto el zenocio come ai tempi lontani e felissi del vecio glorioso Padova.

(Questa lettera venne spedita e pubblicata nella rubrica “caro Presidente, posta&risposta con Marino Puggina” all’interno della rivista “Il Padova”. Ringraziamo per le foto la famiglia Zotti e Nicola Cecchinato)

Un’istantanea all’Appiani, con un calciatore biancoscudato trasportato a braccia fuori dal campo dopo un infortunio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.