Magazine

Identikit della nuova società

IL PROPRIETARIO: JOSEPH OUGHOURLIAN

Joseph Bepi Oughourlian è un imprenditore franco, armeno così dicono. Ex attore e gran bevitore di birra, essendo nato a Beirut, ora si occupa di finanza, ma non ferma le navi con i migranti al largo.

Accantonata la carriera cinematografica dopo il flop in “Weekend con il morto” (interpretava la salma Bernie Lomax) si è gettato, con profitto peraltro, nel mondo degli affari.

Comincia fin da giovane specializzandosi nella “borsa”: fondamentali i suoi stage formativi a Napoli e alla Stazione Ferroviaria di Padova dove racimola ingenti capitali e qualche bastonata dalle vecchiette scippate.

E’ tuttavia con la creazione del Fondo Amber Terner Quaterner che conquista (con le sue cartelle d’investimento) tutti i Bingo del mondo acquisendo lo strategico e redditizio target degli over 60 dominando quindi il mondo.

Il suo curriculum pullula di lauree e master che in confronto il background di Penocchio è il deserto del Gobi.

Uomo di grande cultura parla molte lingue, spesso contemporaneamente, talvolta al contrario e, nei periodi di grande stress lavorativo, gira anche la testa a 360°. Inoltre riesce a fare anche i conti senza ricorrere alla calcolatrice e conosce tutte le tabelline a memoria.

Appassionato anche di calcio, oltre al padova (Italia) è azionista di maggioranza al Lens Fc (Francia) e al Nacional di Medellin (Colombia), comunque vive a Londra e la spesa è solito darla il sabato mattina all’ipercoop di Berlino. Voci non confermate narrano che si muova su una DeLorean dotata di flusso canalizzatore.

Ha una moglie (l’Orgugliana) e 3 figli (gli Orguglini). Non vedendolo quasi mai, essendo sempre in giro per il mondo, in casa hanno un cartonato a grandezza naturale facente le veci genitoriali e coniugali, temiamo anche a letto.

Perché sia arrivato a Padova? Probabilmente per lo spritz.

IL PRESIDENTE: DANIELE BOSCOLO

Daniele Meneguolo Tiozzo Penzo Nordio Zennaro, detto Boscolo, persona cordiale e simpatica, è il primo presidente chioggiotto nella centenaria storia del Calcio Padova.

Anche lui, da uomo di grande cultura e molte lauree, parla molte lingue, fra cui il chioggiotto stretto, venendo spesso scambiato per esorcista.

Operante nel settore energetico arriva a Padova per dare la giusta “carica”: speriamo non quella fotto-voltaica.

Amante della fotografia, è ignaro che all’Euganeo non gli faranno entrare la macchinetta. Come capita ai Biancoscoppiati.

IL DIRETTORE SPORTIVO: SEAN SOGLIANO

La verità? Sean Sogliano è uno scioglilingua.

Pare sia la prova di pronuncia da superare, ripetendolo 10 volte veloci, per gli anziani che vorranno sottoscrivere l’abbonamento over 60. Se poi i concorrenti riusciranno anche a pronunciare il nome di Bepi Franco Orgugliano senza andare in arresto cardio-respiratorio potrebbero vincere una cena a lume di candela con Panzaggiato.

IL MISTER: SALVATORE SULLO

Il Calcio Padova, dopo tanti anni, finalmente ha un Salvatore.

Messo sotto contratto per incontrovertibili motivi scaramantici e perché pelato come i suoi predecessori, Salvatore, detto “Sasà”, Sullo nasce a Napoli il 23 ottobre 1971 e fino al 2009 calpesta l’erba di innumerevoli prati verdi, anche dell’erba del vicino.

Da giocatore Sullo ha ricoperto il ruolo di centrocampista centrale con buone doti offensive, soprattutto nello schema di-a-da in-con-su per-tra-fra. Con la maglia del Messina ha scritto pagine indimenticabili, trascinando la squadra dalla C1 alla serie A. Per meriti sportivi è diventato cittadino onorario della città Sullo stretto.

Nel 2009 intraprende la carriera di allenatore venendo ingaggiato come badante di Giampiero Ventura.

Etichettato come mister X perché, da collaboratore di Ventura, ci hanno messo tutti una croce sopra, sbaraglia la concorrenza che ancora stava interrogando l’Accademia della Crusca sulla correttezza della preposizione articolata sul+lo e quindi, riassumendo, per non sbagliare, siederà sullo panchino dello Padova.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.