L'analisi

L’analisi di… Padova-Legnago Salus

Ph: Agenzia Fotografica Piran

Il nostro focus sulla quinta giornata di campionato, che ha visto il Padova pareggiare all'”Euganeo” contro il Legnagno Salus.

Il migliore 🏆

È ancora una volta Simone Della Latta, il nostro MVP per la gara contro la formazione veronese. Il centrocampista ha raddrizzato il match nel finale con un tocco preciso sotto porta, al termine di un assedio che ha visto il Padova mettere alle corde il Legnago per praticamente tutta la ripresa. Niente da aggiungere: è decisamente l’ex centrocampista del Piacenza il miglior acquisto della stagione, almeno stando a quanto visto fino ad oggi.

Il dubbio 🧐

È stato ribadito nel dopo gara: subire gol nella maniera vista all’Euganeo contro il Legnago non è accettabile. Passi la casualità di una punizione velenosa – e come se ne vedono sovente sui campi da gioco – non possiamo chiudere un altro occhio verso un episodio che ha, di fatto, alterato piani e morale di una squadra poi costretta a rincorrere. Serve concentrazione, perchè partire ad handicap è sempre un rischio. Questa squadra, poi, non ci sa fare con la frenesia e il dover recuperare a tutti i costi, specialmente contro compagini sigillate in difesa e pronte a ripartire in velocità.

La tattica 🔍

Non sorprenda l’alternanza Hallfredsson-Ronaldo. I due, nella visione del tecnico ravennate e del suo 4-3-3, non possono coesistere facilmente lungo la mediana biancoscudata. Ronaldo non è una mezz’ala; l’islandese difficilmente può adattarsi a quel ruolo nell’economia del gioco del Padova. Quel che è mancato contro il Legnagno poi – almeno nella prima frazione – è stata la spinta di Curcio sulla mancina. Così come, il Padova ha peccato in finalizzazione negli ultimi 16 metri. Perso Jefferson per infortunio, è stato il turno di Soleri, generoso e volenteroso, ma onestamente ancora impalpabile sotto porta. Dopo una stagione e spiccioli, davvero ci si aspetterebbe qualcosa di più da un calciatore altrimenti destinato a rimanere nel libro delle eterne promesse.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.